Associazione Paguro
via Marmarica, 23
48023 Marina di Ravenna - RA
tel. e fax: +39 0544 531140

Hispanitas, Mocassini donna beige taupe
CFP A Collo Basso uomo, grigio Grey, 40
Urban Classics Ladies Active Melange Logo Bra, Reggiseno Donna Mehrfarbig Charcoal/White/Black 1177
Aldo Missi, Sandali Infradito Donna Rosa Pink Fushia / 53
Superga FW, Stivali Donna White
WJNKK Womens Ladies Alta Tacco Ribattini Cintura Fibbie Shorty Stivaletto Black
Filippa K M Rick Cool Wool Jacket, Blazer Uomo Blu Hope
VogueZone009 Donna Scarpe A Punta Bassa Altezza Tacco Alto Puro Vernice Stivali Nero
DogHaccd pantofole,La parola estate pantofole, Europa e gli Stati Uniti a fondo piatto antiscivolo di casual sabbia spessa casa cool pantofole, bagno marea di usura Il beige2
Scarpa da basket Nike Behold Low NBK Nike Uomo Antracite / Metallico Grigio scuroNero 8
Wuyulunbi Scarpe donna pu primavera cadono Comfort Appartamenti Per Casual Argento oro nero Noi11 / EU43 / UK9 / CN44
THE FLEXX GIRLS NIGHT SANDALO Donna NERO 36
RTRY Scarpe Da Donna Di Seta Tacco Basso Peep Toe Sandali Matrimoni/Parte Amp; Sera Più Colori Disponibili US657 / EU37 / UK455 / CN37
Mod Comfys Scarpe Basse in Pelle Slipon Donna Nero
Cotone fankou pantofole inverno femmina spessa coperta confezione impermeabile per rimanere piano antislip caldo cotone pantofole uomini e ,3536,
Raichle / Mammut Magic GTX® Women black/cyan EU 38,0 / UK 5,0 blackcyan
White Stuff Maglia a manica lunga A righe Donna
adidas F10 Firm Ground, Scarpe da Calcio da Uomo rosso / bianco / nero
Salomon Speedcross 4 GTX Scarpe Uomo Trailrun 400932 Red

martedi 6 febbraio, 118

 

JOMA CALCETTO SALA MAX 602 WHITEGREEN FLUORROYAL INDOOR 44

B01I5Y6PH4

JOMA CALCETTO SALA MAX 602 WHITE-GREEN FLUOR-ROYAL INDOOR 44

JOMA CALCETTO SALA MAX 602 WHITE-GREEN FLUOR-ROYAL INDOOR 44
  • Scarpa dal taglio classico che si serve di nuovi materiali e tecnologie che la rendono più leggera e flessibile.
JOMA CALCETTO SALA MAX 602 WHITE-GREEN FLUOR-ROYAL INDOOR 44
       

ultimo aggiornamento: 28 giugno 2013

 

Högl 410 3524 0100, Mocassini Donna Nero Schwarz

Diadora Uomo, N9000 mm Evo Green Olivina, Tessuto Tecnico, Sneakers, Verde

STONEFLY SECOND SKIN 108331 150 BIANCO TG DA 35 A 40SANDALI DONNA Nero

napolifashion Ballerine Donna Rot

Baleza Vestito Basic Senza maniche Donna Nero

Ferrari 5100111 – 200 – 219, uomo Blue

Sanuk, Infradito uomo Nero nero Light Natural

Clarks Janey June, Sandali Donna Rosso Wine Leather

Legero Marina, Scarpe da ginnastica Donna Nero nero

LFEU Basse Uomo Grigio

Ganter Hugo, Weite H, Scarpe Stringate Uomo Marrone Braun espresso 2000

Nuovo Da Donna Zeppa Sandali Comodi Ammortizzato Infradito Plantare Scarpe Numeri VERNICE ROSSA

Reebok Classic Leather LS, Scarpe da Ginnastica Basse Uomo Nero Black / Burnt Sienna / Ash Grey / Gum

TPulling Balletto Donna Nero

Gabor Comfort Fashion, Scarpe con Tacco Donna Rosso Opera Ss/c/as

Scarpe Casual Maschile Dress Alpinismo Autunno Allaperto Stringate Scarpe Sport Slip On Nero O Bianco Rosso

Lotto Viper Ultra Iii Cly W, Scarpe da Tennis Donna Blu Blu Mex/wht

 

 

L'Associazione Paguro
è membro di HDS ITALIA

Elara Con Cinturino Dietro La Caviglia Donna 2

The Historical Diving Society

   

DIVE DAYS 2013: 12-13-14 LUGLIO

VogueZone009 Donna Luccichio Bassa Altezza Cerniera Tacco Alto Stivali con Metallo Marrone

tutte le info su Wörishofener Fußform BioPantolette, Sabot/sandali donna grün leo


SITO DI IMPORTANZA COMUNITARIA

Per la prima volta in Italia istituito a Ravenna il primo Sito di Importanza Comunitaria marino.
In data 10 febbraio la Giunta della Regione Emilia Romagna, su proposta dell’Assessore Lino Zanichelli ed il contributo scientifico del Presidente del Centro Ricerche Marine di Cesenatico (Prof. Attilio Rinaldi) ha deliberato che l’attuale « zona di tutela biologica del Paguro » come definita dal D.M. del 1995, diviene anche Sito Importanza Comunitaria (SIC). Un importante riconoscimento che rappresenta un salto di qualità sotto il profilo della tutela che delle opportunità di finanziamento destinate alle attività che vi si svolgono ed un primo importante passo verso un’ulteriore valorizzazione del nostro mare. Un riconoscimento fortemente voluto dall’Associazione Paguro, che in questi anni ha svolto un ruolo fondamentale per la tutela ed i rispetto del sito, ma anche nella valorizzazione ambientale e promozione di una cultura rispettosa del mare da parte dei subacquei. Un riconoscimento per i sacrifici e gli impegni profusi da tanti amici e soci subacquei nella realizzazione del nostro progetto 'simbolico' denominato 'seminiamo il mare'. Un sincero ringraziamento al Prof. Attilio Rinaldi ed all’Assessore Regionale Lino Zanichelli da sempre vicini e sostenitori dei buoni propositi dell’Associazione Paguro.

Da oggi l’area sarà più tutelata e qualsiasi abuso di pesca commesso (sportiva e/o professionale) diventerà « reato penale di carattere ambientale » con possibili condanne da 2 a 4 anni di carcere e/o con pesanti sanzioni amministrative (fino a 20.000 euro).

Marina di Ravenna, 11 febbraio 2010

Giovanni Fucci



ALLA SCOPERTA DI UN RELITTO IN ADRIATICO: LA PIATTAFORMA PAGURO

La storia del Paguro inizia con le prime perforazioni di pozzi per l’estrazione di metano che l’AGIP iniziò nell’off-shore ravennate nei primi anni 1960. L’Italia non possedeva piattaforme idonee alla perforazione in mare, per cui le stesse erano noleggiate da armatori esteri a costi elevatissimi. Su licenza americana furono quindi fatte costruire dall’AGIP le piattaforme mobili, self-elevating, Perro Negro e la gemella Paguro costruita, quest’ultima, nel 1962-63 a Porto Corsini (RA). Il Paguro prese subito il mare ed iniziò la propria attività. A metà del 1965, fu posizionato su un nuovo sito per perforare il pozzo PC7 (Porto Corsini 7) a circa 12 miglia dalla costa di fronte alla foce dei Fiumi Uniti.

Purtroppo, quando il 28 settembre 1965 la trivella raggiunse il giacimento gas a circa 2.900 metri di profondità, ci fu un’improvvisa eruzione di fluido. Era successo che, oltre al giacimento oggetto della perforazione, la trivella aveva intaccato anche un secondo giacimento sottostante, non previsto, che conteneva gas ad una pressione altissima.

Vennero immediatamente attivate le valvole di sicurezza di testa pozzo, che funzionarono perfettamente e tennero la pressione di testa. Purtroppo però, dopo poco, le pareti del pozzo cedettero e si sprigionò l’eruzione di gas, a quel punto non più controllabile. E fu la tragedia.

Il Paguro si trovò avvolto da acqua, gas e, poco dopo, anche dalle fiamme alimentate dal gas stesso, che fusero le parti metalliche che si trovavano sopra l’eruzione. Fu così che la piattaforma si inabissò il 29 settembre nel cratere formato nel fondale dallo stesso gas che continuava a fuoriuscire ad una pressione di circa 600 atmosfere.

Come quasi sempre avviene, anche questa tragedia scoppiò durante la notte e con condizioni meteomarine proibitive; morirono tre persone mentre le altre furono fortunosamente recuperate dal personale dei mezzi di soccorso, in mezzo a difficoltà sia operative, dovute alle condizioni ambientali, sia emotive, causa la tragedia che si stava lì consumando.

Il gas che continuava a fuoriuscire dal fondale e che mescolato a pulviscolo d’acqua raggiungeva un’altezza di oltre 50 metri, continuò a bruciare finché, dopo circa tre mesi, l’AGIP, con la perforazione ad alcune centinaia di metri di distanza di un pozzo deviato, riuscì a cementare il PC7.

Da quel lontano 1965 sono passati diversi anni. Negli anni 1990 sopra il relitto sono state posizionate diverse piccole strutture dismesse che lo hanno reso ancora più affascinante. La parte più alta del relitto si trova comunque sempre alla quota di -10 metri circa, mentre buona parte degli alloggi è ora crollata corrosa dall’ossido e dalle correnti galvaniche. Il cratere allora formatosi sul fondale è sempre presente e raggiunge i -33 metri circa.

Il Paguro da quell’evento disastroso iniziò la propria metamorfosi e sulle sue strutture, martoriate da quel tragico evento e teatro di morte, è pian piano esplosa una nuova Vita, quella stupenda e magica Vita che Dio ha voluto abitasse i fondali marini e che ci affascina ogni qualvolta ci immergiamo.

Ben presto il relitto, da ricordo sommerso di una tragedia, si è trasformato in una meta per i subacquei sportivi, per la ricchezza eccezionale di vita che aveva trovato in quel reef artificiale il modo di svilupparsi.

Per regolamentare le immersioni sul relitto e salvaguardare la zona di tutela biologica, istituita nel 1995, è nata a Ravenna l’Associazione Paguro.

Il Ministero delle risorse agricole, alimentari e forestali ha emanato il 21 luglio 1995 il Decreto "Istituzione della zona di tutela biologica nell’ambito del compartimento marittimo di Ravenna"


Sul Relitto della piattaforma Paguro

Attilio Rinaldi - Faustolo Rambelli

Tutti i circoli subacquei che fossero interessati all'acquisto di copie del libro "Sul Relitto della piattaforma Paguro", avranno un prezzo scontato rispetto al prezzo di copertina.
Per maggiori informazioni contattare direttamente la casa editrice al seguente recapito:

Editrice la Mandragora
via Selice 92, 40026 Imola (BO)
Tel 0542-642747 - fax 0542-647314

VogueZone009 Donna Bassa Altezza Cerniera Tacco Alto Punta Tonda Stivali con Talismano Nero